.

mercoledì 17 settembre 2014

La prima nebbia di Settembre, brodo di zucca e frutti di mare

per la ricetta clikka sulla foto
Lunedì mi sono alzata, ho aperto la finestra e ho trovato ad attendermi la prima nebbia settembrina. Io abito in Val Padana e la nebbia per noi è fida compagna che ammanta con il suo velo buona parte dell'inverno. 
Ma non sono tutte uguali le nebbie, no.
C'è quella settembrina, luminosa, che al primo salir del sole gli lascia il suo posto. Un preludio di autunno con un piede ancor dentro all'estate. Ti inganna perché esci con il felpone, tutta infreddolita, e dopo un'ora ti ritrovi accaldata e in affanno. E' color zucca e uva gialla.

lunedì 15 settembre 2014


"Chi mi conosce lo sa, lo vado ripetendo da un po’ di tempo. Non partecipo ai concorsi a base di LIKE, chiunque sia ad organizzarli, perché sono una mortificazione della bravura personale dei partecipanti: non vince chi è più bravo – e lo meriterebbe, quindi – ma solo chi ha la faccia tosta di rompere gli zebedei ad amici e contatti vari con la richiesta di voto.

mercoledì 10 settembre 2014

la vita che si rinnova, addii, nuovi arrivi e dei deliziosi CrunchyMuffin

Per la ricetta clikka sulla foto

Come diceva qualcuno, settembre in questa casa è il vero inizio dell'anno. Sembra strano ma tutti i nuovi inizi, gli addii, i nuovi arrivi, le amicizie, i nuovi lavori e progetti iniziano a settembre. In realtà la natura si predispone al riposo ma la natura umana, in netta contrapposizione, si mette ai blocchi di partenza.
In questo caso particolare ad andarsene è una collega con cui ho collaborato per due anni di redazione e con la quale ho condiviso idee e progetti, sono stata con lei dal numero 0 di questo amore che è Taste&More e che nonostante non sia nato da una mia idea io sento molto mio, nel quale ho investito tante energie, tempo, aspettative, un progetto che mi ha dato e mi dà grandi soddisfazioni ma mi ha dato anche qualche delusione. Mi è spiaciuto vederla andarsene ma del resto la vita spesso ti mette davanti scelte che non credevi di dover fare e alcuni progetti si rivelano inadatti, ma l'importante è che le sorprese rendono l'esistere quel mare meraviglioso che con l'onda ti spinge e con la risacca ti trascina, una continua scoperta.
E poi un saluto per chi se ne va e un benvenuto per chi arriva, in redazione con noi infatti, ad affiancarci nel lavoro stressante ma stimolante che è la creazione di questo magazine è arrivata Mary, solare, diretta, propositiva, sincera - quanto di meglio potevamo sperare io e Tiziana, il vulcano creativo che c'è al timone di questo Taste nuovo, nuovo nella grafica ma anche nel pensiero e nella crescita, perché i progetti sono tanti e se il team è affiatato penso che il passo lungo e cadenzato ci porterà lontano.

lunedì 8 settembre 2014

gli insaccati e i consorzi di tutela, chiarimenti su DOP e IGP

Vi ho già parlato dell’ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati) nei giorni scorsi in merito alla loro campagna di diffusione di informazioni sui salumi italiani, oggi volevo approfondire un po’ l’argomento su cosa questo istituto si prefigga, su quali i suoi metodi e sui prodotti che mi è stato possibile testare.
ISIT quindi nasce nel 1999 su richiesta delle aziende produttrici stesse e che aderivano ai principali Consorzi di Tutela, il suo scopo è quello di coordinare il lavoro tra i consorzi che avevano intenzione di produrre prodotti a marchio DOP e IGP. Oggi l’Italia è il primo Paese europeo per numero di salumi DOP e IGP con ben 37 produzioni tutelate, che  coprono il 30% del mercato.
I consorzi rappresentati