torte semplici e rustiche

Choco & Pear square

quadrotti-pere-cioccolato-7La gente litiga perché non sa discutere!

((cit. Gilbert Keith Chesterton)

Amo discutere, considero una bella discussione di quelle che finiscono con un buon compromesso che aiuta a raggiungere la via di mezzo dai due poli opposti, uno dei grandi piaceri della vita. Mi piace confrontarmi con chi ha idee diverse dalle mie e credo che questo confronto sia uno dei pochi piaceri della vita e soprattutto un fortissimo motore di crescita. Però… Mamma di un preadolescente con un forte spirito critico, che considera la scienza l’unico dogma e tutte le sfumature di varia umanità pari all’immondizia, io litigo per ché sono STANCA di discutere.

quadrotti-pere-cioccolato-16

Ecco la verità, faccio ammenda, dopo il lavoro, i compiti, l’organizzazione della vita comune e gli insegnamenti imprescindibili di educazione e comportamento, ammetto che alla sera mi restano poche energie per discutere sui grandi perché dell’universo e a volte dover discutere anche sul perché faccio i fusilli al posto dei rigatoni mi sfinisce. La cosa poi sta iniziando a preoccuparmi seriamente, se a 11 anni un ragazzino sente di dover controbattere polemicamente anche al “come va?” quando arriveremo a 16 sarò ancora viva?  Semmai mi dovessero ricoverare alla neuro in corso d’opera, per favore amiche mie, venite a trovarmi con un bel vassoio di dolci.

quadrotti-pere-cioccolato-9

E oggi la ricetta è proprio un dolce, che a volte la dolcezza è l’unica spiaggia consolatoria a basso costo rimasta, i terapeuti, quelli bravi, sono fuori portata.

Choco & Pear square

quadrotti-pere-cioccolato-17

5 da 3 voti
Stampa
Choco & Pear square
Preparazione
15 min
Cottura
45 min
Tempo totale
1 h
 
Piatto: Dessert
Cucina: Italian
Porzioni: 6
Chef: Lara Bianchini
Ingredienti
  • 180 g uova
  • 180 g zucchero
  • 1 pera
  • 150 g burro morbido
  • 200 g farina
  • 1/2 bustina di lievito
  • scorza d'arancia grattugiata
  • 20 g gocce di cioccolato
  • zucchero a velo per decorare.
Istruzioni
  1. Montate il burro e lo zucchero fino a ottenere una crema bianca e soffice, incorporate le uova una alla volta continuando a sbattere e la scorza d'arancia.
  2. Sbucciate, detorsolate e frullate la pera e aggiungetela al composto sempre sbattendo, setacciate la farina e il lievito e aggiungeteli al composto poco alla volta.
  3. Aggiungete le gocce di cioccolato, mescolate per distribuirle e versate l'impasto in uno stampo quandrato da 24x24 cm precedentemente imburrato e infarinato (con lo stampo Le Creuset ho saltato il passaggio, perché lo stampo ha un antiaderenza perfetta).
  4. Preriscaldate il forno a 180° e infornate per circa 45 minuti, fate la prova stuzzicadenti per verificare la cottura.
  5. Sfornate, fate raffreddare e tagliate a cubotti, se vi piace spolverate di zucchero a velo.
Note
Ottimai per colazione e merenda, i bambini li amano e sono facili da fare

 

 

Facebook Comments

Previous Story
Next Story

13 Comment

  1. Reply
    Antonio Gaiani
    24 ottobre 2016 at 9:47

    facili e buoni, da provare… ho giusto una festa tra bambini con cui fare la prova

    1. Reply
      Lara Bianchini
      24 ottobre 2016 at 9:54

      vedrai che successo! Grazie della visita

  2. Reply
    Pattipatti
    24 ottobre 2016 at 11:37

    Lara io adoro il tuo undicenne e non ne ho mai fatto mistero. Se ti può aiutare, con la mia grande a 12 anni ero entrata in un tunnel terrificante, e mi ero chiesta la stessa cosa che ti sta passando per la testa ora. Ma dopo un anno o poco più passa e scopri che sono maturati, che tutta sta polemica gli è servita a trovare la loro strada. Sempre adolescenti e cuccioli di mamma rimangono, ma più saggi. Amena e curaggio (si dice da noi), sei una bella persona con dei bei figli.
    Pure i quadretti sono belli 😀
    Un bascione

    1. Reply
      Lara Bianchini
      24 ottobre 2016 at 13:07

      Grazie Patty, mi sento meno sola quando parlo con voi che ci siete già passate, ma che fatica oh!!! ti abbraccio forte

  3. Reply
    Serena
    24 ottobre 2016 at 11:51

    Leggendo il tu post credo che una fetta di questa buonissima torta sia un ottimo ristoro dalle fatiche adolescenziali dei figli che per fortuna sono transitorie, bellissime le foto complimenti!

    1. Reply
      Lara Bianchini
      24 ottobre 2016 at 13:07

      per fortuna, è l’unica cosa che mi consola, hahahahaha 😉

  4. Reply
    raffaella
    24 ottobre 2016 at 17:41

    considerato che in questi giorno preparerei solo dolci, questo è già segnato! mi tocca solo fare i conti….ho appena preso uno stampo rettangolare 20×20 😛
    bacio grande Lara
    raf

    1. Reply
      Lara Bianchini
      24 ottobre 2016 at 18:46

      un bacione a te Raf e un abbraccio grande

  5. Reply
    m4ry
    24 ottobre 2016 at 17:45

    Posso capirti, non perché io mi relazioni con adolescenti, ma perché anche io, come te, non amo imbarcarmi in quei confronti che non portano a nulla se non a polemizzare, e questo indipendentemente dall’età del mio interlocutore. E’ che io le polemiche le detesto proprio e sono consapevole di non avere più la forza di reggerle. A volte preferisco di gran lunga tacere, che non significa subire, ma semplicemente risparmiare voce ed energie…
    Tesoro…un cubetto di questi quanto mi farebbe piacere ora, non puoi capire…baciotti <3

    1. Reply
      Lara Bianchini
      24 ottobre 2016 at 18:46

      brava, faglielo capire tu il concetto di risparmio…. ah immagino la pace per le orecchie!!! Te ne offrirei volentieri una fetta

  6. Reply
    Melania
    25 ottobre 2016 at 14:12

    Io non amo litigare. Questo no. Confrontarmi piuttosto si. Specie quando le cose mi sono poco chiare.
    Non amo i discorsi futili e se devo esser sincera non mi approccio molto con gli adolescenti. Credo di poter capire però la sensazione di cui parli.
    E mi rendo conto che oggi è davvero complesso avvicinarsi a loro, senza correre il rischio di sbagliare.
    Io invece, non connetto errore se ti dico che il dolcetto tuo dopo pranzo sarebbe ideale!

    1. Reply
      Lara Bianchini
      25 ottobre 2016 at 21:15

      si davver davvero somplicato, voglio le istruzioni per l’uso mannaggia… e prometto che quando passerai a farti un viaggetto in veneto un bel te con dolcetto ce lo prenderemo sicuro!

  7. Reply
    Mila
    27 ottobre 2016 at 12:07

    Giusto il post del momento…qui in ufficio c’è appena stata una lite tra due colleghi…uno che usa sempre parolacce e l’altro che (giustamente) è stufo di sentirsi offendere per ogni cambiamento di tempo…ma non credo risolveranno nulla con queste urla….
    Sarebbe meglio avere un quadratino della tua torta, semplice, ma di certo buonissima!!!!

Lascia un commento