zuppe & minestre

Minestrone invernale con la verza

Niente da fare, non ci si salva più dalla modalità zuppa quest’anno, a leggere il blog sembra quasi che io alimenti i miei cari a dieta liquida, non è così ma ammetto che minestre, zuppe e minestroni sono diventati un leit motiv delle cene, complice anche quest’inverno rigido e frizzantino. E finiamo sempre a parlare del tempo mi direte, già! Perché è un argomento neutro che non fa male a nessuno, del resto se mi metto a parlare d’altro mi salta la mosca al naso e mi vien la depressione, quindi meglio parlare neutralmente del tempo che non finire a parlare dell’unico altro argomento possibile in Italia per chi pensa al futuro e alle nuove generazioni, cioè la politica, che per come sta andando è peggio che aprire il giornale alla pagina di cronaca nera.

Minestrone invernale con la verza

Ricetta realizzata con una cocotte rotonda da 24 cm Le Creuset colore Cotton

5 da 1 voto
Stampa
Minestrone invernale con la verza
Preparazione
10 min
Cottura
50 min
Tempo totale
1 h
 
Piatto: primo
Cucina: Italian
Porzioni: 8
Chef: Lara Bianchini
Ingredienti
  • 150 grammi di verza tagliata a listarelle
  • 2 pugni di piselli spezzati secchi
  • 4 pugni di fagioli borlotti secchi
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d'oliva all'aglio
Istruzioni
  1. La sera prima mettete in ammollo i fagioli.
  2. Sciacquate i fagioli e i piselli spezzati, tagliate a cubetti la carota, la cipolla e il sedano (anche le foglie), la verza a listarelle sottili.
  3. Riunite tutto in una pentola e coprite d'acqua a filo, salate e mettete sul fuoco. Fate cuocere per 50 minuti dal bollore.
  4. Servite con una macinata di pepe fresco e un filo di olio aromatizzato all'aglio.

Facebook Comments

Previous Story
Next Story

3 Comment

  1. Reply
    Chiara
    1 febbraio 2017 at 17:53

    la verza ci sta proprio bene, un buon minestrone lo mangio sempre volentieri !

    1. Reply
      Lara Bianchini
      1 febbraio 2017 at 18:51

      Vero? Pensa che una volta lo tolleravo e oggi lo adoro, come si cambia…

  2. Reply
    Antonio Gaiani
    8 febbraio 2017 at 8:56

    ma mi stai facendo proprio la dieta su misura…

Lascia un commento