Home LE MIE RICETTESECONDIcarne Costolette di agnello alla senape e santoreggia e… Romeao

Costolette di agnello alla senape e santoreggia e… Romeao

by Lara Bianchini

Non mi ero neanche accorta di avere pubblicato questo post vuoto… come dite? L’eta? Ohhhhhh! Attentini che mi potrei offendere.
Spetta và che rimedio, altrimenti potrei dimenticarmene di nuovo… volevo anche con questo post fare una presentazione ufficiale e speciale che troverete alla fine ^^

Per fare queste specialissime costolette per 4 persone vi serviranno:

Per la marinata nella quale immergere le costolette per almeno due ore, così da togliere il sapor-selvatico

Il succo di un limone e le scorze grattugiate
1 rametto di santoreggia
sale q.b. Gemma di mare fino iodato
2 cucchiai di senape piccante
olio extravergine di oliva 1/4 di bicchiere, per me Dante 100% italiano
1/2 bicchiere di vino bianco

Inoltre 4 costolette di agnello grandi o 8 piccoline

Mettete tutti gli ingredienti della marinata in una tazza e emulsionate, spargete sulle costolette, massaggiatele con l’emulsione, coprite con la pellicola e mettete in frigo

Scaldate una padella antiaderente su fiamma vivace, adagiatevi le costolette sgocciolate dalla marinata e fate rosolare fino a cottura, se sono piccole 3 minuti per lato saranno sufficienti. non cuocetele troppo, l’agnello è una carne che rosata è deliziosa.

Toglietele dal fuoco e mettete da parte.

versate in padella il mezzo bicchiere di vino bianco e deglassate la padella con l’aiuto di una spatola di plastica, aggiungete al fondo di cottura anche la restante marinata e lasciate sul fuoco fino ad addensamento. Si creerà un sughettino delizioso con il quale irrorare le costolette.

Ed’ora vi presento Romeo…

è arrivato da noi da circa un mese, dopo che la coniglietta Lina è evasa che neanche Vallanzasca… Bene, dire che ci ha conquistati è ancora poco. Posso dire anch’io di essere entrata di diritto nella schiera della gattare 😀

9 commenti

Carmela 7 Agosto 2012 - 7:12

Presentate divinamente le tue costolette, che acquolina ^^ Tranquilla per le dimenticanze, capitano a tutti 🙂 Inoltre complimenti per il gatto, è ancora piccolo, ma già carino ^^ Mi ha fatto troppo ridere la tua coniglietta Lina, paragonata ad un fuggitivo esemplare, ahahah 😀
Bacioni!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 7 Agosto 2012 - 7:50

Bè carmela, dovevi vedere il buco che ha scavato sotto al suo recinto. Era piccolissima ed'è riuscita a fare una voragine… Altrochè Vallanzasca.

Rispondi
Cinzia 7 Agosto 2012 - 7:26

Anche se non amo l'agnello, questa marinata e poi il fondo che proponi di deglassare in quel modo, devo dire che sono molto allettanti 🙂
e il micio?! Che voglia di micioooo! Noi lo avevamo, poi è "evaso" anche lui e nn più tornato. Ora abbiamo la cagnolina, e da 4 giorni ci sono anche i suoi cinque piccolini 😉

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 7 Agosto 2012 - 7:51

Voglio la foto dei cuccioli… ma com'è avere i cucccioli, molto impegnativo?

Rispondi
Barbara 7 Agosto 2012 - 8:13

Romeo è semplicemente incantevole… e le costolette fanno venire l'acquolina in bocca anche alle dieci di mattina: complimenti!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 7 Agosto 2012 - 16:27

^^, grazie. Romeo poi, tutto la sua padrona…

Rispondi
Cri 7 Agosto 2012 - 9:10

Che meraviglia, mia figlia Sofia va matta per le costolette d'agnello, le proverò così!
Baci,
Cri

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 7 Agosto 2012 - 16:28

aspetto il parere di Lucia, bacioni.

Rispondi
Pasticciando con Rosy 7 Agosto 2012 - 16:35

ciao lara 🙂 grazie per aver inserito il seguimi via mail così potrò seguirti con tranquillità 🙂 fantastico Romeo 🙂 ha l'aria da furbetto ma deve essere anche un coccolone.
La tua ricetta mi piace molto, da qualche anno ho imparato ad apprezzare l'agnello e devo dire che cucinato così deve essere molto buono!!! 🙂
baci

Rispondi

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero piacere anche...