Home LE MIE RICETTEPRIMIpasta bigoli in salsa… dalla tradizione, Vigilia di magro.

bigoli in salsa… dalla tradizione, Vigilia di magro.

by Lara Bianchini
bigoli in salsa
Dall’ultimo post sulle Arancine mi sono fattaprendere la mano,  e così eccovi un altro bel pappone storico…

bigoli in salsa

Già partendo dal bigolo o “bigoeo”in veneziano, troviamo tali e tante  discordanze, che trovare un ‘origine dei bigoli e del condimento, si presenta ardua impresa. Ma, sia che derivi dall’attrezzo che si portava in spalla con i secchi appesi  alle due estremità (bi-golo o bi-collo traducendo) o che derivi dal più allegro bighellonare,certo è che  i bigoli erano già in uso ai tempi della Serenissima Repubblica di Venezia.  Sembra che durante la guerra contro i turchi, colpevoli di affondare le navi che trasportavanoil grano duro a Venezia, ad un pastaio addetto alle vettovaglie venne l’idea di utilizzare il poco grano duro che rimaneva e mescolarlo con quellotenero autoctono. Il tutto veniva poi impastato con uova per dare maggiore consistenza al prodotto, che veniva lavorato come uno spaghetto molto grosso. Si trovano tracce di questo già negli archivi con data 1338.
Il bigolaro (la macchina per fare i bigoli) nasce inveceNel 1604, quando il padovano BartolomioVeronese, mastro pastaio, ottenne il brevetto per un macchinario per la pasta. Questo macchinario costruito in legno, di forma cilindrica, permetteva di comprimere, con una leva e uno stantuffo, l’impasto che veniva inserito dall’alto facendolo passare per un filtro forellato.
In questo modo si otteneva una pasta lunga simile agli spaghetti napoletani, ma molto più grossi ( dai 2 ai 2.5 mm. di diametro) e ruvidi nella loro superficie.
Restava a questo punto il dilemma della salsa con cui condirli, innegabile il fatto che la loro morte sia la salsa di sarde o il ragù d’anatra. La salsa di sarde è veramente un condimento povero e nasce dalla necessità di unire le poche proteine reperibili ai carboidrati necessari al sostentamento, secondo la tradizione venivano consumati nei giorni di magro come la Vigilia di Natale, il Venerdi Santo e il Mercoledi delle Ceneri. Come sappiamo noi veneti però, non vengono mangiati certo  solamente in quelle occasioni. E’ un piatto veloce, facile e gustoso. Nei ristoranti della zona diVenezia e della Riviera del Brenta non manca mai nel menu. La ricetta la trovate sotto, anche se ogni famiglia ha la sua variante e i suoi trucchi, noi per esempio usiamo mantecare la salsa con del burro freddo al termine della cottura… come si fa col risotto. Sembra strano, ma la popolarità del bigolo è molto diffusa! Anche l’Artusi nella sua raccolta di ricette, quando descrive la salsa di sarde, per condire la pasta fa un breve riferimento al bigolo, descrivendolo come grosso spaghettone, da condire con questa salsa, che solo gli stomaci degli scaricatori di porto veneziani possono apprezzare.
Ci sono anche canzonipopolari che richiamano il bigolo: Me piase i bigoli con la luganega Marietta dammela per caritààààààà¦.. oppure filastrocche : Bigoi e bagoi e pan gratà, toi la mussa e va al mercà, se el mercà el xe finio toi la mussa e torna in drio.
Fonti: .bakarika.it – blog.libero.it
bigoli in salsa

bigoli in salsa

Questo meraviglioso piatto, tipico delle vigilie di magro, conserva intatta l'antica ricetta. Si prepara un sugo semplicissimo.
5 min
20 min
Tempo totale25 min
Portata: Main Course
Cucina: regionale veneta
Persone: 4
Chef: Lara Bianchini

Ingredienti

  • una dozzina di alici salate di media taglia ma vanno bene anche quelle sott'olio in scatoletta
  • 1 cipolla
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • olio extra vergine di oliva .
  • 500 g di bigoli

Preparazione

  • Si pone ad imbiondire un trito di cipolla in un tegame assieme all'olio extra vergine di oliva, una volta ammorbidita la cipolla si uniranno poi le alici dissalate e deliscate.
  • Si bagna col vino bianco in modo che le alici si stemperino e vadano a formare con la cipolla un saor cremoso.
  • Si lascia restringere il sugo, si spegne il fuoco e si aggiunge una noce di burro, si chiude col coperchio e si lascia li per due tre minuti.
  • Aprite, mescolate e, con questo sugo, si condiscono i bìgoli cotti al dente in abbondante acqua salata.
bigoli in salsa

Commenti di Facebook

31 commenti

La Cucina Imperfetta di Giuliana 12 Dicembre 2012 - 6:57

Nella sua povertà è un piatto ricco di gusto e di tradizione che a ma piace sempre moltissimo!!!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 13 Dicembre 2012 - 6:16

Allora siamo in due!!! Grazie.

Rispondi
I manicaretti di Annarè 12 Dicembre 2012 - 8:31

E' stupendo questo piatto,semplice ma ricco di sapori!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 13 Dicembre 2012 - 6:16

Grazie Anna!

Rispondi
Alessandra Gennaro 12 Dicembre 2012 - 9:31

Lara, ce ne fossero, di post così.
a dopo, quando ho più tempo 🙂
ciao

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 12 Dicembre 2012 - 17:07

adesso piango dalla commozione…

Rispondi
Flora 12 Dicembre 2012 - 9:59

Molto semplice ma ricco di tradizione…

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 13 Dicembre 2012 - 6:15

Grazie Flora 😀

Rispondi
Cuoca tra le Nuvole 12 Dicembre 2012 - 10:31

I piatti "poveri" della tradizione sono quelli più avvolgenti e intensi. Bravissima!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 12 Dicembre 2012 - 17:07

grazie mille

Rispondi
Stefania Cucina 12 Dicembre 2012 - 12:33

Ciaoooo c'è un premio per te:

http://stefaniaskitchen.blogspot.it/2012/12/penne-allamatriciana.html

Baci

stefaniaskitchen

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 12 Dicembre 2012 - 16:40

Grazie Stefy, mi fa molto piacere che tu mi abbia scelta

Rispondi
e il basilico 12 Dicembre 2012 - 13:46

La tradizione è una grande ricchezza da mantenere. Non conoscevo questo piatto, grazie per avermi illuminato, mi sembra molto gustoso. Ciao cara, buona giornata

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 12 Dicembre 2012 - 16:41

Gustosissimo… ma attenzione alla prova, causa assuefazione! C'è da dire che è un piatto magro… ma il bigolo è bigolo

Rispondi
simona 12 Dicembre 2012 - 14:16

Ciao Lara:) il piatto è favoloso .. grazie per la spiegazione dettagliata e accurata … mi ha fatto molto piacere leggere tutte queste notizie interessanti sulla storia dei bigoli… complimenti e buon pomeriggio;*

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 12 Dicembre 2012 - 17:03

grazie mille Simona, mi fa piacere ti sia piaciuta.

Rispondi
Cucino con voi 12 Dicembre 2012 - 20:17

BONIIIIIIII!!!!!!i bigoli sono sempre i bigoli!!! Semplici, buonissimi e saporitissimi!!! Brava Lara!!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 13 Dicembre 2012 - 6:15

Grazie, son d'accordo, una di quelle cose troppo semplici per essere tanto buone…

Rispondi
Any 12 Dicembre 2012 - 23:51

I piatti della tradizioni vanno custoditi! E' un piatto povero e ricco nello stesso tempo!
Ho donato un prmeio al tuo blog, si chiama "Sunshine Award"!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 13 Dicembre 2012 - 6:14

grazie mille Any, mi fa piacerissimo che tu mi abbia scelta :-D, al prossimo post…

Rispondi
Patty 13 Dicembre 2012 - 8:42

Che ti devo dire: io adorooooooo questo genere di piatto, povero e meravigliosamente saporito. Le immagini parlano da sole. Conoscevo quelli all'anatra ma così devo dire che mi piacciono davvero tanto.
Un abbraccione, Pat

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 14 Dicembre 2012 - 13:23

Grazie patty, anche quelli all'anatra sono stupendi è vero…

Rispondi
Elle 13 Dicembre 2012 - 16:11

Quanto mi piacciono queste ricette tradizionali… semplici ma piene di gusto e di ricordi! Un bacio

Rispondi
Vaty ♪ 13 Dicembre 2012 - 16:49

wow Lara con questa ricetta e con queste foto hai conquistato tutti!! adoro i piatti della tradizione e questi bigoli fannov enire l'acquolino in bocca :-))
senti.. ma che bello il.. COLLAGEEE! 😉

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 14 Dicembre 2012 - 13:24

Grazie carissima, vero???? Il collage mi ha resa orgogliosa, ho una mentore da ringraziare… adesso vedrai che da natale migliorerò ancora, studio studio e mi attrezzo

Rispondi
Ely Valsecchi 14 Dicembre 2012 - 12:15

Lara che belli questi piatti della tradizione! Che bello saperne la storia! Sai che sono stata dalle tue parti? Mercoledì ero a Treviso per il libro, che splendida città peccato non avere il tempo per visitarla :-(. Questo primo piatto è davvero perfetto per le prossime cene!!!! Un bacione

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 14 Dicembre 2012 - 13:25

Ma scherzi!!! eri a un tiro di schioppo, se lo sapevo non ti facevo mica tornare a casa senza venirti a conoscere…

Rispondi
Maria Pia Sc 14 Dicembre 2012 - 12:25

ciao Lara, ho visto il banner del tuo giveaway sul blog di Any, così sono venuta a trovarti, ti faccio gli auguri per i tuoi ormai oltre 200 followers e spero di riusire a pubblicare qualcosa entro il 16 per partecipare, intanto mi aggiungo ugualmente! a presto e buon w.e.

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 14 Dicembre 2012 - 13:25

Grazie 1000, aspetto il tuo link

Rispondi
Cibo ForMe 19 Dicembre 2012 - 8:58

ho appena ingaggiato mia madre per andare a comprare i bigoli freschi dalla pastaia per quando arrivo sabato sera. Ma visto che non è la vigilia e io dal 22 dicembre al 6 gennaio non voglio niente di magro, le ho chiesto di procurarsi del ragù d'anatra. Scusaaaaa!!!!
Oddio che fame, sono le 9 ma me li farei anche adesso 'sti tuoi bigoli…

Rispondi
Bietolin@ 3 Gennaio 2013 - 14:24

Ciaoooo, come va? Tutto bene? Passato delle buone feste? Io si, semplici pranzi tra amici e famiglia, un bel pomeriggio al cinema…niente di straordinario ma amo la semplicità del tempo prezioso passato col mio dolce maritino, quindi va bene così ^.^
Approfitto di una sinusite che mi ha riportato sul divano dopo un solo giorno di lavoro per passare a farti un saluto, i complimenti per questa deliziosa ricettina e tanti tanti auguri di felice anno nuovo!

Rispondi

Lascia un commento






* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero piacere anche...