Home LE MIE RICETTEPRIMIGnocchi Gnocchi di ricotta alla crema di Silter e salsa leggera al basilico

Gnocchi di ricotta alla crema di Silter e salsa leggera al basilico

by Lara Bianchini
Gnocchi di ricotta alla crema di Silter

Ed eccomi oramai arrivata al terzo ed ultimo appuntamento con il contest indetto da CISSva, la cooperativa che riunisce sotto alla sua i produttori della valle Camonica. Questo mese il formaggio da utilizzare in una ricetta era il Silter. Una piccola curiosità è che Il Silter prende il nome dal riparo dove ancora oggi i contadini ripongono il formaggio a stagionare. 
Questo formaggio stagionato racchiude in sè tutto l’aroma delle erbe montane e la dolcezza del latte. La produzione del formaggio SILTER è tipica della bassa Valle Camonica e delle zone prealpine ad Est del Lago d’Iseo. 
La crosta è gialla, dura e liscia, mentre la pasta, giallo-paglierina, ha occhiatura leggera fino a sei mesi di stagionatura e si diffonde verso l’anno. Dopo l’anno è ottimo anche da grattugia, e io da un po’ di tempo sto sperimentando tutte le alternative al parmigiano da grattugia, scoprendo abbinamenti insoliti e sapori nuovi, quindi vi consiglio di provare anche voi.

 

Gnocchi di ricotta alla crema di Silter
carrellata sugli ingredienti

Ricetta per 4 fondine

Gnocchi 

confesso che per questa ricetta, fatta a mezzo agosto, ho comperato gli gnocchi già fatti dal mio panettiere di fiducia. Caronte mi stroncava la voglia di cucinare. Però se li avessi fatti io li avrei fatti così…
 

500 g di ricotta di ottima qualità e molto soda
2 cucchiai di parmigiano
100 g farina 00
1 pizzico di sale fino iodato 

Portate a bollore una grande pentola d’acqua salata.  
 

 

Mescolate assieme tutti gli ingredienti, con le mani infarinate arrotolate l’impasto in piccoli salsicciotti e tagliateli a tocchetti di circa 1 cm. Poi se siete folli come mia madre che mi ha dato una mano con questa ricetta, arrotondateli tutti tra le mani per farli più belli e precisini. Immergeteli nell’acqua bollente e man mano che affiorano scolateli con la schiumarola e conditeli.

 

Se l’impasto vi sembrasse troppo morbido, resistete alla tentazione di aggiungere farina che ne cambierebbe drasticamente il sapore e la consistenza, in acqua si rassoderanno comunque.
 

 

Gnocchi di ricotta alla crema di Silter

Condimento
200 g di formaggio Silter a tocchetti
100 g di panna da cucina (per me vegetale alla soia, ma la vostra preferita va benissimo)

 

Il silter non si presta a essere fuso e oppone resistenza, ma il sapore goloso me lo faceva già immaginare sullo gnocco e quindi gli ho imposto il mio volere in questo modo. 
Mettete i tocchetti di Silter e la panna in un bicchierone in plastica, cacciatelo in microonde alla max potenza per 1 minuto e poi con il minipimer uniformate il tutto.
 

Salsa leggera al basilico
un bel mazzetto di basilico greco
olio q.b.

 

mettete gli ingredienti in un mixer e frullate fino ad ottenere una salsa delicata, non è un pesto perché il formaggio è già molto presente nella salsa, mi serviva solo un tocco di freschezza

Componiamo il piatto

Scolate gli gnocchi e conditeli col formaggio amalgamando con cura, versate poi sopra la salsa di basilico leggera che darà un tocco di colore al piatto e un sapore fresco.

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente e dalla scuola CAST Alimenti in collaborazione con CISSVA

 

Commenti di Facebook

26 commenti

Nina 14 Settembre 2013 - 10:50

Ciao cara, bellissimi i tuoi gnocchi! Un piatto davvero invitante, complimenti! Che ne diresti di passare da me per partecipare al Link Party "Back to Autumn" su Fragola e Cannella?
Mi farebbe davvero piacere!
Un abbraccio
Nina

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:53

Grazie sei carinissima e passo volentieri a trovarti, ma i Link party sono troppo, non ho davvero il tempo di seguire tutto quello che vorrei. Un bacio

Rispondi
lacasasullaScogliera 14 Settembre 2013 - 12:21

Mamma mia, ma che buoni! Sai che non avevo mai sentito parlare di questo formaggio? e nemmeno sapevo che gli gnocchi si potessero preparare con la ricotta. Proverò.
Baci
Elli

PS= anche io uso la panna di cucina veg, ma prendo quella di riso, che non contiene carragenina negli ingredienti e che invece si trova, come addensante [cancerogeno, dicono] nei lavorati a base di soia.

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:54

da oggi SOLO panna di riso allora, se cambio alimentazione lo faccio solo in virtù del mio sacro terrore delle malattie indotte, di conseguenza abolisco la carragenina da ora

Rispondi
Debora Bianchi 14 Settembre 2013 - 12:22

questi gnocchi sono golosissimi solo a guardarli! un ottimo condimento! 🙂

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:54

Grazie mille

Rispondi
Patalice 14 Settembre 2013 - 12:33

deliziosisssssimi!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:55

Grazie, carino il tuo blog, sono passata e mi sono intrattenuta a leggere per circa mezz'ora, più divertente della bushnell, dovresti scrivere un libro.

Rispondi
Fabiana Del Nero 15 Settembre 2013 - 8:40

Mi piace l'idea di morbidezza estrema di un gnocchetto che si scioglie in un velluto di salsa….la mia bocca dice YEAH!!!!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:56

E io con lei, un abbraccio

Rispondi
Cuoca Pasticciona 15 Settembre 2013 - 10:17

Meravigliosi questi gnocchi!!! Mi piace sia il fatto che siano di ricotta e mi piace tantissimo come hai deciso di condirli secondo me la scelta è azzeccatissima! Complimenti, li gusterei volentieri in questo momento 🙂

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:56

Potresti passare da me, io li preparo, e ci facciamo un bel pranzo tra amiche? Mi piacerebbe davvero conoscervi tutte una a una…

Rispondi
conunpocodizucchero Elena 15 Settembre 2013 - 10:43

hai sempre un tocco di classe che ti eleva e ti distingue!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:57

Grazie Elena, davvero davvero davvero grazie, la classe non me l'aveva mai detta nessuna. Un bacione

Rispondi
Erica Di Paolo 15 Settembre 2013 - 10:50

Che meraviglia di delicatezza e gusto!!!! Complimenti Lara, davvero prelibati!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:57

Ma grazie davvero

Rispondi
Francesca P. 15 Settembre 2013 - 19:50

Adoro il formaggio filante filante… 🙂
(e quella ciotolina!!!)

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 12:58

anch'io… parentesi ciotolina (non dirlo a mio marito ma la volevo talmente che ne ho ordinate 6 su internet in germania… aiuto, Dio mi salvio dalle follie blogger.

Rispondi
Manuela e Silvia 15 Settembre 2013 - 20:17

Buonissimo questo formaggio ed ottima idea gli gnocchetti! semplice e fresco il condimento per gustare appieno il sapore dello Silter!
bacioni

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 16 Settembre 2013 - 13:00

Grazie carissime.

Rispondi
m4ry 16 Settembre 2013 - 14:51

Ciao Lara 🙂 ma che bell'angolo che hai ! Già so che mi ci troverò benissimo 🙂
Che buono e che bello questo piatto 🙂
Un abbraccio e felice giornata !

Rispondi
Stefania Zecca 16 Settembre 2013 - 17:34

profumatissimi! mi sa tanto che queste fantastiche erbe aromatiche stanno ispirando un po' tutte! mi piace tanto l'abbinamento che hai creato con il Silter. a presto Lara

Rispondi
Marina 17 Settembre 2013 - 6:28

Nonostante l'ora… ho l'acquolina in bocca!

Rispondi
ristoranti palermo 17 Settembre 2013 - 9:02

Voglio provarla anch'io!!

Rispondi
Viviana Dal Pozzo 17 Settembre 2013 - 14:19

buoni buoni buonissimi, questa è una delle ricette per cui potrei fare follie, tipo ad esempio mangiarne quantità industriali 🙂
un bacio

Rispondi
Maddalena Laschi 17 Settembre 2013 - 14:22

Ciao Lara, non conoscevo questo formaggio, dev'essere delizioso, io li adoro tutti quanti e questo è prodotto proprio come si deve. Buonissima ricetta, complimenti!Mi unisco ai tuoi lettori, visto che il tuo blog mi era sempre sfuggito, adesso non mi perderò niente! Grazie di tutto
Maddy

Rispondi

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero piacere anche...