zuppe & minestre

Minestra di funghi e castagne

Minestra di funghi e castagne
Questa minestra è un ricordo in realtà, il filo sottile di una memoria precaria (la mia) dopo aver letto il tema del mese, attraverso suggestioni diverse, mi ha portato questo stralcio, un profumo prima, poi al posto del campanello che suona e della lampadina un tintinnar di cucchiaio e il ricordo visivo di un brodo marrone, ricco e profumatissimo.
Eravamo da poco sposati e tornando da una passeggiata collinare ci siamo fermati in un ristorante conosciuto, uno di quelli di tradizione, dove anche i camerieri sono attempati signori rivestiti di professionalità e non ragazzini che ti lanciano il piatto in tavola. 
La gestione squisita e piena di cortesia senza però quel sussiego untuoso che mi fa sentire a disagio. La cucina meravigliosa, tradizionale per lo più, ma eseguita in maniera superba e con un occhio di riguardo alla leggerezza e alla freschezza e stagionalità degli ingredienti. Insomma uno di quei posti in cui arrivi, ti siedi e ti senti bene accolto, coccolato il giusto, rilassato. Forse fu proprio la situazione così confortevole a farmi optare per questa zuppa, calda e ristoratrice dopo la camminata al freddo del pomeriggio, fatto stà che è rimasta lì, nell’angolino della memoria, fino ad oggi. Pronta per la sfida. E il ricordo è riemerso in tutta la sua complessità di profumi, permettendomi di replicarla in tutta la sua pienezza di sapore.

Minestra di funghi e castagne
 

per 4 porzioni

500 g di castagne
300 g di funghi misti (i miei erano pioppini, finferli e prataioli)
2 porcini medi
alloro
sale grosso
sale
1 carota
1 cipolla
1 costa di sedano
1 rametto di rosmarino
1 foglia di salvia
2 foglie di alloro
olio evo q.b.
 
 
 
Minestra di funghi e castagne
 

Due giorni prima…

ammollate le castagne e lasciatele in acqua circa 24 ore, quelle che torneranno a galla sono bacate e gettatele.

Il giorno prima

Incidete le castagne e mettetele in una pentola, coperte di acqua fredda. portatele a bollore e lasciatele bollire circa mezz’ora.
Fatele raffreddare nella loro acqua e poi sbucciatele, rimuovete la buccia e anche la pellicina interna, aiutatevi con una pinzetta se necessario.

Il giorno stesso

Preparate un brodo vegetale mettendo in una pentola capiente abbondante acqua fredda, 1 carota, una cipolla e una costa di sedano, una foglia di alloro e 2 abbondanti pizzichi di sale grosso. Portate a bollore e lasciate bollire a fuoco dolce per circa 45 minuti 1 ora. regolate di sale se necessario.
 
 
 
In una pentola capiente (meglio se di ghisa) scaldate due cucchiai d’olio con due spicchi di aglio in camicia, appena l’aglio inizierà a rilasciare il suo profumo aggiungete le castagne sbucciate, mescolate e versate circa sei mestoli di brodo, la seconda foglia di alloro e un trito fatto con una foglia di salvia e qualche aghetto di rosmarino.
Lasciate sobbollire percirca 40 minuti, le castagne dovranno essere morbide ma non sfatte.
Aggiungete i funghi che avrete provveduto a mondare e tagliare a pezzetti, aggiungete altri 10 mestoli di brodo e lasciate cuocere per un’altra mezz’ora circa.
Rimuovete l’alloro e l’aglio, fate riposare 10 minuti e servite. 
 
                                                 banner
 
 
 
Facebook Comments

Previous Story
Next Story

39 Comment

  1. Reply
    TataNora
    13 novembre 2013 at 7:42

    Non ho mai mangiato e castagne in questa versione e, a dirla tutta, mi spiace di non riuscire a ritornar nella casetta gialla per recuperarne altre e altri funghi.
    Sa di buono, di caldo conforto nelle prime giornate di nebbia….
    Bellissima ricetta. Grazie.
    Nora

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:37

      Che favola la casetta gialla, ogni volta che ne parli mi sembra un luogo fuori dal tempo dove ritrovare l'equilibrio, meravigliosa.

  2. Reply
    la signorina pici e castagne
    13 novembre 2013 at 8:52

    la minestra di porcini e castagne è un colpo al cuore… pe ri sapori, per i profumi che posso ben immaginare e per quella consistenza lì che mi ricorda l' acquacotta.
    io amo le zuppe, e la stagione autunnale/invernale non conosce altre regole se non quella di coccolarsi con una zuppa fumante di ritorno la sera tardi dal lavoro..
    tu sì che mi conosci bene.. : )
    bravissima Lara!!!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:39

      Grazie Sere, del resto il tema di questa sfida è bellissimo, era inevitabile che riaffiorassero alla mente idee meravigliose. Ne ho viste altre in giro che ucciderei per assaggiare.

  3. Reply
    Tantocaruccia
    13 novembre 2013 at 9:14

    Purtroppo ho dovuto abbandonare l'MTC per problemi di tempo e impegni… ma l'idea di preparare delle castagne mi piace molto, anzi penso che a breve sul blog metterò qualcosa sul genere:D bellissima suggestione!
    Un bacione cara:*

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:39

      Grazie cara

  4. Reply
    Silvia- Perle ai Porchy
    13 novembre 2013 at 10:43

    Ciao Lara, non ho mai mangiato le castagne in una zuppa, ma deve essere meravigliosa, calda e confortevole proprio come dici tu!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:40

      Anche per me era la prima volta, ed'è tanto buona che mi è rimasta nel cuore quasi 10 anni… non l'avevo mai rifatta solo perché ai bimbi miei le castagne piacciono solo come caldarroste!

  5. Reply
    Roberta Morasco
    13 novembre 2013 at 12:46

    Mai messe le castagne nella zuppa Lara e siccome le adoro con la sensazione che ti trasmettono nelle giornate fredde..cosa che tu hai ben descritto…segno subito!!!
    Bellissime foto e ottima ricetta!!
    Brava la mia amica!! <3 <3
    Roby

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:40

      Grazie, per le foto stavolta ho impiegato Filippo come aiutante a tenere il pannello per le ombre, grande il mio piccolo grande uomo.

  6. Reply
    Patty
    13 novembre 2013 at 14:40

    Il brodo con le castagne lo conosco e bene. Ci ho fatto una zuppa proprio un mesetto fa, ed in precedenza dei tortellini cotti sempre in brodo di castagne. Ne conosco la dolcezza, il conforto, la semplice intensità dei sapori. Funghi e castagne si danno la mano nell'umore del bosco e si amano con passione nel piatto. Non potevi che trovare connubio più perfetto. Un abbraccio, Pat

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:41

      Grazie Pat, invece da noi il brodo di castagne non è diffuso, anzi credo questa sia stata la prima e unica volta che l'ho trovato in un menù, ma l'ispirazione a prenderlo è servita.

  7. Reply
    flavia galasso
    13 novembre 2013 at 16:51

    Cara Lara, anche qui è arrivato l'Autunno e devo dirti che oltre alle castagne, l'Etna ci regala dei meravigliosi funghi…. ergo, quindi, mi spiego: COPIO!!! Baci Flavia

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:42

      Copia copia, i funghi dell'etna saranno favolosi

  8. Reply
    Rosaria Orrù
    13 novembre 2013 at 17:39

    adoro le zuppe ma questa non l'ho mai provata!! ora mi tocca!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:42

      Grazie

  9. Reply
    Alessandra Gennaro
    13 novembre 2013 at 19:10

    Urca, Lara, che ricetta… alle prime righe del post, stavo per chiederti l'indirizzo del ristorante, poi mi son fatta rapire dal tuo post e dai passaggi del tuo piatto. Ed è stato un retrocedere in un passato in cui il tempo aveva ancora valore e l'amore per la terra si coglieva dal rispetto tributato ai suoi frutti, coccolati perchè dessero il meglio di sè nel piatto. Cucina di raccolta, di conforto, di casa e di amore- l'ennesima, grande prestazione al nostro gioco. Sei sempre più brava!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:45

      Grazie davvero, stavolta non ho dovuto studiare quasi per niente, è arrivata da sola la ricetta. E dopo un anno e qualcosa, comincio a sentirmi proprio una MTcina, come dicono nel gruppo… è un discorso di comprensione di spirito e idee, un po' alla volta!

  10. Reply
    ๓คקเ
    13 novembre 2013 at 19:39

    Pure io stavo pensando a una minestra e questa tua mi piace assaissimo, sappilo!!!! :-p

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:45

      Grazie Mapi, io ti lovvo

  11. Reply
    Forno Star
    13 novembre 2013 at 20:08

    Lara, ti seguo sempre e penso che ti superi ogni giorno. Questa è la tue ennesima ricetta che vedo e voglio copiare. Che dire poi delle foto? Meravigliose, anche perché riproducono l'atmosfera che hai descritto all'inizio del tuo blog… Un incanto!!!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:46

      Grazie Stefania, davvero grazie, i complimenti di una fornostar fanno tremare le ginocchia… E anche oggi siamo Gluten free 😉

  12. Reply
    sandra liccioli
    13 novembre 2013 at 21:43

    tummmm…. ecco questo è il corpicciuolo che cade svenuto al suolo davanti a tanta delizia.
    funghi e castagne…. perfetta sei Lara!
    baci
    Sandra

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:46

      Grazie amica

  13. Reply
    Anisja
    13 novembre 2013 at 22:02

    Immagini spettacolari, complimenti, con tutta quella cura e preparazione la zuppa sarà stata divina!!!

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:47

      Si dai stavolta bando alla modestia, il sapore e il profumo erano perfetti. I bambini però l'hanno un po' snobbata, non è nelle loro corde

  14. Reply
    Loredana
    14 novembre 2013 at 6:01

    Un piatto che mi ha rapito per le foto e per gli ingredienti, sembra quasi di sentire il profumo da qui.
    Dalle mie parti finora niente porcini nei boschi! 🙁

    Complimenti per tutto 🙂

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      14 novembre 2013 at 6:47

      Qui quest'anno di tutto invece nei boschi, c'è stata talmente tanta umidità che i funghi spuntano come… funghi!

  15. Reply
    journeycake
    14 novembre 2013 at 14:45

    Cara Lara quanto mi piacerebbe assaggiare questa zuppa. Così rustica e corroborante. Davvero l'ideale per le giornate fredde che ci attendono. Per ora mi sono gustata le tue parole e queste belle foto. Ti ho scritto una mail, ma nel caso tu non l'avessi ricevuta ti lascio il mio indirizzo: sjourneycake@gmail.com
    Un abbraccio simo

  16. Reply
    Tiziana M
    14 novembre 2013 at 22:00

    Che belli che sono questi ricordi, e che bello quando i sapori ti portano lontano, quando fanno riaffiorare belle sensazioni. Immagino che questo piatto abbia scaturito tutto questo perchè è super, il sapore dev'essere delicato e confortevole. ho scoperto solo da qualche anno le zuppe con le castagne e mi piacciono un sacco!!! complimenti!! baciotto

  17. Reply
    Chiara -Cucinando con mia Sorella-
    14 novembre 2013 at 23:43

    Dei ricordi meravigliosi per un piatto strepitoso!
    Che dirti vado matta per le zuppe le trovo così confortevoli e confortanti e la tua lo è davvero…
    Un abbraccio, Chiara

  18. Reply
    Chiara Setti
    15 novembre 2013 at 7:10

    Che ricetta Lara e che bella storia, immagino quanto sia buona per te!! 🙂 e quindi domani ci incontriamo!!! Che gioia! :-))

  19. Reply
    Saparunda
    23 novembre 2013 at 13:35

    Le minestre e le zuppe sono il mio comfort food per eccellenza. E non immagini quanto sia il desiderio di avere ora, qui, subito, almeno un cucchiaio di questa tua…che sono lontana da casa per una non-vacanza e sto morendo di freddo…
    Spediscimela via telematica!!!! :)))

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      27 novembre 2013 at 12:39

      Cara, certo che si, aspetta che accendo il teletrasposrto 😉

  20. Reply
    Mai
    25 novembre 2013 at 22:02

    Sei stata una grande spiegando tutti i passagi per la bollitura delle castagne che io davo per scontato e invece non lo è! Brava bravissima! E poi tutte le tue accorteze coi tempi di preparazione e cotture. Post stupendo e zuppa miracolosa!

    In bocca al luppo!

    Besos

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      27 novembre 2013 at 12:39

      Grazie mille Mai

  21. Reply
    marina
    26 novembre 2013 at 18:18

    Adoro le zuppe e questa deve essere profumatissima! Brava come sempre!

  22. Reply
    roberta
    27 novembre 2013 at 9:15

    Sempre un piacere navigare sulla tua barchetta!! Continua cosi' che ci sei vicina, molto vicina….

    1. Reply
      labarchettadicartadizucchero
      27 novembre 2013 at 12:40

      Roby non mi mettere l'ansia, che io come la Saparunada vedo passare in questa gara cose… che noi umani non possiamo neanche immaginare, e dunque me ne sto assai serena 😉 Però mi piace tAAAAAAAnto esserci

Lascia un commento