Home LE MIE RICETTETORTE E DESSERTAl cucchiaio Semifreddo al Torroncino con crema al Mou

Semifreddo al Torroncino con crema al Mou

by Lara Bianchini
Nougat Parfait with creamy toffee
 
Sono un paio di settimane che non pubblico, un tempo lungo per me, che nonostante le lunghe pigrizie estive raramente lascio passare più di 5 giorni senza parlare con voi… E perché?

Il tempo che manca? Anche….  La pigrizia? Sicuramente… Ma non solo, no. Anche una certa mancanza di motivazione che mi lascia un po’ perplessa. Dovuta forse a questo periodo storico davvero difficile in cui mi sento <stranamente per me> davvero immersa. Negli ultimi 5 anni, complici i bimbi piccoli, ho ignorato bellamente tutte le brutte notizie che mi fioccavano attorno e ho limitato la mia ricerca di informazione ai canali bambini di Sky. E’ stato tutto un balletto di Pippi Calzelunghe e Pimpa e Bubble Guppies e Masha e orso… Ma una recente bellissima esperienza di blog che ho fatto e di cui vi parlerò a breve mi ha fatto comprendere che l’informazione è importante, allora ho iniziato ad ascoltare radio24 e a guardare qualche TG… Una spirale perversa che ti spinge a voler capire sempre di più.  Sono stata sopraffatta e devo dire che la cosa che più mi colpisce e mi lascia a terra è la situazione mediorientale, ma soprattutto la scelta di campo che comporta.

 Dover scegliere se accogliere  a cuore aperto le persone disperate che arrivano sulle nostre coste per fuggire alle torture, persone disperate, che abbandonano le loro famiglie o che ne sono strappate, che non hanno più luoghi da chiamare casa… Persone che come abbiamo fatto noi, non tanto tempo fa, sfuggono alla guerra e alla fame. O scegliere se chiuderci per colpa della paura che tra queste orde di disperati veri ci siano terroristi infiltrati, persone che vogliono distruggerci, noi, i nostri figli, il nostro mondo. La paura è una cattiva consigliera me ne rendo conto, ma mi chiedo come sia possibile combattere, noi con la nostra religione che canta alla vita, con le nostre idee e la nostra voglia di celebrarla questa vita, contro persone che invece hanno fatto della morte un culto. come potremo mai farcela?
Lo so ci sono andata giù pesante, ma ho bisogno di parlare con voi, di confrontarmi anche su cose importanti, vi addolcisco la pillola però con questa meraviglia rubata dal blog di una grande amica che mi ha tolto da una impasse gravosa in una cena importante. Mille volte grazie Stefania.
 
Nougat Parfait with creamy toffee
 
Semifreddo al Torroncino con crema al Mou
Preparazione
13 h
Cottura
20 min
Tempo totale
13 h 20 min
 
Ho apportato alcune variazioni: *nel procedimento ho pastorizzato sia gli albumi che i tuorli perché avevo a cena anche bimbi e non ho voluto rischiare. *Ho aggiunto un po' di zucchero perchè il composto per i miei gusti era poco dolce.
Piatto: al cucchiaio
Cucina: italiana
Porzioni: 12
Chef: Lara Bianchini
Ingredienti
  • 6 uova Bio
  • 200 g di torrone alle mandorle
  • 70 g zucchero semolato
  • qualche goccia di succo di limone
  • 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 500 ml di panna da montare fresca
  • Per il Mou
  • 200 g di zucchero semolato
  • 100 ml di acqua
  • 200 ml di panna fresca
Istruzioni
  1. Separate i tuorli dagli albumi.
  2. In una pentola con acqua a bollore sovrapponete la ciotola con i tuorli e lo zucchero e con l'aiuto di uno sbattitore elettrico sbatteteli fino a che diventino spumosi, chiari e lucidi e triplichino il loro volume, mettete da parte.
  3. Prendete gli albumi e seguite lo stesso procedimento montandoli con le gocce di limone, una volta che saranno a neve aggiungete anche il cucchiaio di zucchero a velo e continuate a sbattere fino a ottenere un composto lucido che fa i famosi picchi bianchi, mettete da parte.
  4. Montate la panna con l'essenza di vaniglia.
  5. Foderate lo stampo con della pellicola da cucina, se usate gli stampini monoporzione questa operazione non sarà necessaria.
  6. In una ciotola grande incorporate i tre composti l'uno con l'altro, mescolando dal basso verso l'alto e facendo attenzione a non smontare il composto.
  7. Riempite lo stampo, livellatelo con l'aiuto di una spatola e ponetelo in freezer per qualche ora (io tutta la notte).
  8. In una padella mettete lo zucchero e l'acqua e fate cuocere a fuoco medio, senza mai mescolare, fino a che lo zucchero inizierà a caramellare, appena sarà bello dorato ritirate la padella dal fuoco e facendo attenzione agli schizzi versate la panna nello zucchero, mescolando velocemente, fino a ottenere una crema densa e voluttuosa.
  9. Sformate il dolce dallo stampo aiutandovi con la pellicola da cucina e tagliatelo a fette regolari, oppure toglietelo dagli stampini immergendoli per qualche secondo in acqua bollente. Decorate con un abbondante cucchiaiata di crema al mou.
Note

Ingredienti per uno stampo grande da plumcake o per tante piccole monoporzioni, ne usciranno anche 12 con queste dosi

 

 
Nougat Parfait with creamy toffee
 

 

 
 

Commenti di Facebook

Ti potrebbero piacere anche...

26 commenti

Chiara DAcunto 19 Febbraio 2015 - 5:01

Hai ragione e' molto difficile scegliere da quale parte stare ma quando fra queste persone ci sono dei bambini o delle mamme col pancione anche le paure cadono in un baleno…no? Deliziosa la ricetta, adoro i dolci al cucchiaio! Buona giornata!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 19 Febbraio 2015 - 13:19

Ma pensa che iio accoglierei tutti, queste povere anime che scappano devono essere davvero siperate, ma la paura c'è chiara, davvero, inutile negarlo

Rispondi
Patty Patty 19 Febbraio 2015 - 7:01

Lara io invece sono sempre stata attenta a tutte le sciagure mondiali perchè penso che bisogna sapere per capire. Se ci pensi tutte le persone che hanno commesso gli atroci attentati di cui siamo stati testimoni, non erano immigrati, ma nativi. non per questo bisogna fare i buonisti: devono essere fatti dei controlli per evitare proprio che la paura prenda il sopravvento.
Oh, detto questo: meraviglioso il semifreddo, complimenti! Un bascione

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 19 Febbraio 2015 - 13:20

E' vero Patty, infatti ammetto che queste paure così sragionate, figlie dell'ansia, non fanno bene a nessuno, men che mai alla ragione che amo tanto

Rispondi
Ketty Valenti 19 Febbraio 2015 - 11:29

Pensa in quale situazione di confusione e di stato d'animo viviamo qui da me (io vivo in Sicilia nel Catanese),proprio perchè se da una parte in tutta coscienza non si possono abbandonare alla deriva quelle povere anime da un'altra però è anche vero che ci sono mille tentennamenti,dubbi,paure…..disagi forti….che fare? domanda da un milione di dollari!
la paura c'è e anche tanta inutile negarlo……
ma preferisco non andare oltre potremmo stare qui tutta la mattinata.
Un dessert che adoro,ho provato qualcosa di simile tempo fa ma con un'altra salsa il mou lo proverò,squisito ed elegante.
Baci
Z&C

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 19 Febbraio 2015 - 13:21

E' vero ketty, tu la vivi davvero dal dentro e da vicino, e quanta ammirazione c'è da me per voi siciliani, che accogliete e date assistenza a queste persone

Rispondi
m4ry 19 Febbraio 2015 - 11:31

Non ti nascondo che nell'ultimo periodo, più del solito, mi sento una disadattata…un periodo brutto…che mi lascia perplessa e mi fa paura. Credimi…certe notizie mi fanno piangere, e il senso d'impotenza sovrasta tutto. Non capisco il perché di tutto quest'odio, rabbia, cattiveria, intolleranza…abbiamo una vita sola e l'idea che ci sia chi butta la propria e quella degli altri nel water, mi fa troppa paura…

Cambiando discorso….questo dolce è fantastico ! Ti abbraccio :*

Rispondi
Simo 19 Febbraio 2015 - 12:31

con una figlia adolescente adesso cerchiamo di coinvolgere anche lei nella lettura di giornali e tg, perchè è giusto che inizi a rendersi conto di come vanno veramente le cose nel mondo…purtroppo è la vita e deve iniziare ad essere consapevole di quello che la circonda…ma non è facile, a volte spiegare e capire certe cose è dura anche per noi adulti!
Un abbraccio cara e complimenti a te e alla Stefy per questo dolce meraviglioso e godurioso…

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 19 Febbraio 2015 - 13:23

Grazie Simo, ed'è vero, quanto è difficile spiegare tutte le sfumature della diplomazia e della ragione ai ragazzi senza che diventino all'estremo intolleranti. Per loro o è tutto bianco o tutto nero… difficile anche il mestiere di genitori

Rispondi
SABRINA RABBIA 19 Febbraio 2015 - 15:20

io non riesco piu' a sentire le notizie che ci circondano, spesso mi chiedo le tue stesse cose, ho paura per i nostri figli, per il loro futuro, poi mi chiudo in cucina e cerco di dimenticare, ecco ora vedendo il tuo semifreddo mi sento completamente appagata, avvolta da una dolce coccola, prendi esempio e soprattutto prega tanto, dobbiamo essere fiduciosi!!!!Non perdere la speranza!!!!Baci Sabry

Rispondi
Stefania FornoStar Oliveri 19 Febbraio 2015 - 20:15

Paure condivise, purtroppo, da tutti e tanta, tanta confusione e paura… Poi penso che in tutte le epoche ci sono stati grandi paure e grandi nemici, la guerra, la guerra fredda, il terrorismo… insomma non possiamo mai stare tranquilli 🙁

Però ti ringrazio che tu abbia rotto il silenzio proprio con una ricetta "mia", che adesso è diventata anche un po' tua e sono felice che ti sia piaciuta <3 <3 <3

Rispondi
Maddalena Laschi 20 Febbraio 2015 - 10:48

Cara Lara, dopo le tue parole, il tuo dolce, anche se bellissimo e sicuramente buono, passa in secondo piano, si, non me ne volere, ma il tuo pensiero così forte e chiaro arriva all'istante come una doccia fredda!
Anch'io come te, con due bimbi piccoli non guardo e ascolto più molta informazione, ma quando la sera sono a letto mi capita di imbattere in qualche programma di attualità e mi ritrovo a aprire gli occhi, contro la mia volontà, perché vivo un po in una specie di dimensione parallela, ma di certo non posso sfuggire all'informazione e ai media! Ho paura, si è' un dato di fatto è per di più non ho nessuna fiducia sulle persone al governo che ci dovrebbero guidare e proteggere…sono piena di speranze e vado andati così, con poche certezze….. Grazie per le tue parole, ci hai dimostrato che i nostri blog non fini a stessi! Un bacio

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:54

e pazienza se il dolce passa in secondo piano, avevo davvero bisogno di parlarne, grazie della tua risposta maddY

Rispondi
Perle ai Porchy 22 Febbraio 2015 - 16:37

Lara, io ancora continuo a vivere in quella bolla di protezione che mi sono imposta… So cosa accade, ma non voglio ancora pensarci… E' brutto e forse stupido, ma non mi sento pronte. Ho tanti pensieri, non voglio aggiungerne altri a destabilizzarmi… Ma dentro di me mi faccio le stesse domande….

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:55

credo ce le facciamo tutti, anche se la vita davvero ci travolge e a volte è faticoso fare tutto

Rispondi
veronica 23 Febbraio 2015 - 21:30

lara come ti capisco anche per me l'informazione si limita solo a canali si sky per bimbi
e sono estranea ai media e questo non va bene ….
ti confesso sto chiusa nella mia pizzeria ,nelle mie mura ,con i bambini e mi concedo delle uscite notturne con mo marito ma non va per niente bene.alla fine tu stai bene cosi ma agli occhi degli altri sei la diversa….
oggi per la prima volta in vita mia sono andata all'ikea ( BEH è arrivato un'alluvione 0.o ) solo perche'sto traslocando ed ho bisogno di qualcosa ….
tornando a noi questo semifreddo è uno bontà unica mio marito impazzirebbe

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:56

Grazie Vero del tuo contributo, stare chiusa e non guardare non serve ma almeno ci rende più sereni, un valore notevole al giorno d'oggi

Rispondi
elenuccia 24 Febbraio 2015 - 14:24

E' vero che la nostra religione celebra la vita e l'accoglienza ma non dimentichiamoci che nella storia anche i cristiani non si sono comportati proprio bene, vedi l'inquisizione, le crociate, ed altre cosucce del genere. Non è un problema di religione, ma è un problema di interpretazione che ne viene fatta. Conosco mussulmani che rimangono senza parole di fronte alle azioni deprecabili fatte in nome di Allah o di chi per lui.
Leggendo i giornali o guardando i TG si rimane davvero sconcertati, ma credo che il modo migliore per affrontare la cosa non sia richiudersi in se stessi perchè si finirebbe per incrementare la spirale di odio verso gli altri. Al mondo c'è tanto male, ma c'è anche tanto bene. Il problema è che nei TG finiscono sempre le brutte notizie perchè fanno aiudience ma mai quelle buone. Bisogna incitare alla fratellanza, invece che all'intolleranza. Solo così le generazioni future forse potranno migliorare le cose

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:56

Oh lo so che abbiamo fatto cose abominevoli, ma grazie al cielo era il medioevo, qui ci stanno riportando proprio li, al medioevo, come se i 100 e rotti anni che sono passati non fossero serviti a nulla… O_o

Rispondi
Gaia Sera 25 Febbraio 2015 - 10:16

Ti sono nel cuore perché provo le stesse perplessità ogni volta che vedo il telegiornale che in casa nostra, tra l'altro, non si guarda mai quando c'è a casa mio figlio. Come posso insegnarli ad amare e rispettare tutti, qualunque sia il loro colore, la loro lingua o il loro credo religioso quando c'è chi fa di questa differenza il motivo di massacri crudeli ed inutili? Tanto per cominciare io credo che un po' più di controlli non sarebbero un'idea sbagliata pur continuando a fornire l'aiuto di cui questa povera gente ha un così disperato bisogno e poi anche un aiutino da chi ci sta intorno e giudica tutto questo come un'emergenza unicamente italiana senza capire che poi anche loro saranno presto raggiunti dato che noi tutti non li possiamo accogliere.. Io comunque continuo ad insistere affinché mio figlio cresca senza pregiudizi di alcun tipo. Sarà perché ho vissuto tanto a Londra ma penso che l'integrazione sia l'unica strada. Ora scusa se ho parlato tanto ma il tuo post del resto invitava alla riflessione. Passiamo alla ricetta che poverina è passata in secondo grado ma che è straordinariamente golosa. Già il semifreddo al torrone e poi pure la mou sopra..come fare a resistere? Del resto notoriamente sono sempre stata una molto debole alle tentazioni

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:58

Il grazie della ricetta va a Stefania, grazie invece a te Gaia, mi riconosco nelle tue parole e le trovo davvero l'unica via percorribile… Ps: pure io con le tentazioni cado sempre 😉

Rispondi
Emanuela Martinelli 25 Febbraio 2015 - 10:58

Sono schiva dell'informazione e mi rinchiudo spesso nella mia bolla, non per cattiveria ma putroppo mi immedesimo troppo nel dolore altrui, non riesco a gestire certe notizie così pesanti e allora, egoisticamente e stupidamente chiudo gli occhi e faccio finta che non ci siano. Ma ci sono e ogni giorno arrivano sempre più vicine a noi e ai nostri figli che cerchiamo di proteggere con le unghie e con i denti e ti giuro che avere la consapevolezza che è difficilissimo trovare una soluzione a problemi così grandi non aiuta per niente. Un post che fa riflettere e che hai avuto il coraggio di scrivere, bravissima Lara, ogni tanto abbiamo bisogno anche di questo. Bellissimo il tuo dolcino, un bacio grande.

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:59

Grazie a te Manu, so che non è facile partecipare a queste discussioni…

Rispondi
Patalice 25 Febbraio 2015 - 11:02

…le cose che scrivi, al di là della ricetta accattivante, lasciano da pensare…
è un post "pesante" che non ti permette di sentire solo il profumo di mou e di assaporare l'amaretto…

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 26 Febbraio 2015 - 8:59

vero Alice, era l'intenzione che avevo…

Rispondi
Mila 6 Marzo 2015 - 9:57

Io di solito lo preparo con croccantino, però mi hai dato una bella idea!!!

Rispondi

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.