Home LE MIE RICETTELIEVITATI Torchonnade alle olive taggiasche e pomodori secchi

Torchonnade alle olive taggiasche e pomodori secchi

by Lara Bianchini

torchonnade evidenzaQuesta ricetta la dedico alla mia amica Alessandra Scollo e al suo contest sul Natale, gliela dedico con tutto l’affetto perché per lei questo è stato un anno duro, uno di quegli anni in cui ci si misura con la propria finitudine, in cui ci si rende conto che essere umani può voler dire essere fragili…

io so bene quanto possa pesare questa fragilità e quanto possa fare paura in certi momenti, soprattutto a donne come noi che hanno famiglie che richiedono le nostre attenzioni tutti i giorni e che hanno bisogno di tutta la nostra energia e disponibilità, mica si può perdere la bussola, mica ci si può fermare… e invece alle volte bisogna farlo, fermarsi, raccogliere le energie e tornare a galla dopo un bel respiro…

torchonnade 2

Quindi quando ha deciso di fare un contest sul natale che raccogliesse ricette calorose, familiari e di semplice realizzazione e che fossero anche piene dello spirito e dell’armonia del Natale io ho deciso di regalarle questa. Un lievitato semplice ma bello, da mettere in centro al tavolo così che tutti possano staccarne un pezzo ma che ripieno di noci e frutta secca può diventare anche un bel centrotavola mangereccio, bello, utile, adatto a sfamare corpi e anime.

torchonnade 3

5 da 1 voto
Torchonnade alle olive taggiasche e pomodori secchi
Preparazione
10 h
Cottura
30 min
Tempo totale
10 h 30 min
 
un centrotavola festoso per il vostro natale
Piatto: Lievitati
Cucina: italiana
Porzioni: 4
Chef: Lara Bianchini
Ingredienti
  • 600 g di farina 1
  • 8 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaio di sale fino
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 400 ml di acqua tiepida
  • sale grosso
  • paté di olive nere
  • un pomodoro secco sott’olio
  • qualche oliva taggiasca
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di latte
Istruzioni
  1. Prendete un po’ d’acqua dal totale e sciogliete il lievito con il miele.
  2. Mettete la farina nella planetaria con i lievito e aggiungete l’acqua poco alla volta, in modo da ottenere un impasto morbido e ben incordato.
  3. Aggiungete il sale e attendete che si incorpori bene
  4. all’impasto, aggiungete l’olio e fate lo stesso.
  5. Togliete l’impasto dalla planetaria e arrotondatelo, mettetelo in una ciotola e lasciatelo in frigo a lievitare per una notte.
  6. Il giorno dopo riportatelo a temperatura ambiente, spolverate il piano di farina e con le mani fate un cilindro lungo e stretto, appiattitelo con l’aiuto di un mattarello, spalmatelo di paté di olive nere e ripiegatelo a metà su se stesso.
  7. A questo punto dovrete prima arrotolarlo su se stesso creando un torchon e poi metterlo in una teglia formando una chiocciola, lasciate circa 1 cm di spazio tra una fascia e l’altra, per permettere la seconda lievitazione.
  8. Fate lievitare coperto per circa un’altra oretta, preriscaldate il forno a 220°, spennellatelo in superficie con l’uovo sbattuto con il latte.
  9. Spolverate di sale grosso e decorate con qualche oliva taggiasca e qualche filetto di pomodoro secco, infornate insieme al torchon di pane infornate anche una ciotolina d’acqua per mantenere il giusto grado di umidità nel forno.
  10. Dopo 5 minuti abbassate a 180° e continuate a cuocere per una mezz’ora.

torchonnade dettaglioIl mio ricordo invece Ale va a quell’ottobre in cui mio padre ebbe il suo primo ictus, quasi vent’anni fa, alla fatica che abbiamo fatto tutti nel riuscire a trovare qualcosa da festeggiare il natale di quell’anno e al fatto, che ciònonostante la fatica sia stata premiata, a 20 anni di distanza festeggiamo ancora tutti assieme il Natale, e oggi siamo anche in molti di più. Un Buon Natale e te!

Con questa ricetta partecipo al contest di Mamma Papera Blog nella categoria il pranzo di Natale

contest-di-natale-550x726

 

trovate questa ricetta anche tra le pagine di Taste&More

Commenti di Facebook

20 commenti

saltandoinpadella 4 Dicembre 2015 - 17:05

Che meraviglia Laraaaaaaaaaaa, questo chiocciolone è da urlo (nota la versione vulgaris di torchinnnade che fa molto più figo…ma sai io sono romagnola doc :-D). Io adoro i pomodori secchi.
Il tuo pensiero mi ha molto toccato, sono felice che tuo papà si sia ripreso da quel brutto momento e sono felice che possiate nuovamente festeggiare tutti insieme.

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 4 Dicembre 2015 - 18:19

mhhhhhh, sto pensando…. sai che ti dico piace pure a me di più chiocciolone 🙂 sisisi, teniamolo. Grazie amica mia dei tuoi pensieri

Rispondi
Stefania 4 Dicembre 2015 - 18:59

Mi piace questo pane ricco che regalerà di sicuro un momento di gioia ai tuoi cari. Impastare il pane e vederlo lievitare… Ogni volta che questo avviene sembra rinascere qualcosa dentro di noi, una nuovo alito di speranza si alimenta. Un abbraccio cara.

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 4 Dicembre 2015 - 19:04

un abbraccio a te, e grazie, e sto lavorando per l’avvento… magari mi serviranno meno calzini tempo che finisco, ma ci sto lavorando….

Rispondi
Stefania 4 Dicembre 2015 - 21:25

Sono curiosa 🙂

Rispondi
damiana 5 Dicembre 2015 - 6:03

Ad Alessandra hai dedicato parole piene d’affetto e solidarietà, parole di donna che colgono l’essenza di ciò che è stato.La conosco poco,se non tramite questa passione che ci accomuna,ma da donna e mamma l ‘ammiro tantissimo.Tu tesoro la omaggi con una chiocciolona superba che renderà trionfale ogni tavola su cui verrà servita!Complimenti a voi!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 6 Dicembre 2015 - 13:34

Grazie Damiana, le tue parole sono bellissime, ti abbraccio…

Rispondi
Saparunda 5 Dicembre 2015 - 11:11

5 stars
Ci sono, non ci sono. Appaio, scompaio.
Mi dileguo e torno.
Insomma…non sono proprio una foodblogger come le altre. Però appena posso e trovo quei cinque minuti passo in quei blog che reputo più belli, non solo per foto, ricette e emozioni che trasmettono, ma anche per le persone che ci stanno dietro. E tu fratella sei una di queste!!
Devo provare a fare una torchonnade, sai che non l’ho mai fatta? E mi piace anche e soprattutto come idea per un centro tavola mangereccio! Grazie!!!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 6 Dicembre 2015 - 13:33

pure io sono così, ma le persone che si sentono a pelle anche quando mancano ci sono lo stesso no? Del resto questa è una passione e ci si dedica ad essa quando si può, deve essere piacere, se diventa forzatura non va bene 😉

Rispondi
m4ry 10 Dicembre 2015 - 14:53

5 stars
L’ho scritto anche ieri nel post di Taste….per me i lievitati sono il simbolo delle feste. Trasmettono senso di calore e famiglia. Noi donne siamo sempre un po’ più sbattute. Le nostre responsabilità non si contano, e certi giorni sono davvero difficili. Poi, almeno per me, dicembre è sempre un mese pesante…ci arrivo sfinita nel fisico e nella mente…ma come dici tu, non possiamo permetterci dèfaillance…
La tua torchonnade è bellissima 🙂
bacio grande amica mia <3

Rispondi
veronica 10 Dicembre 2015 - 15:43

5 stars
conoscendo alessandra immagino come si sia commossa per queste splendide parole
e questo lievitato scalderà sicuramente il suo cuore
e ti faccio i miei compliemnti di cuore

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 10 Dicembre 2015 - 17:18

grazie davvero, questo post racconta un pezzo della mia vita che non ricordo spesso, ma che va ricordato. Ti abbraccio

Rispondi
mammapapera 10 Dicembre 2015 - 15:44

:'( 🙂 .) <3 <3 <3
grazie!!!!

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 10 Dicembre 2015 - 17:18

grazie a te, davvero

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 10 Dicembre 2015 - 17:19

grazie a te davvero tanto

Rispondi
speedy70 10 Dicembre 2015 - 20:41

Meravigliosa questa chiocciola, e tanto gustosa, adoro i pomodori secchi, complimenti!!!

Rispondi
Mamma Papera — Il contest di Natale 15 Dicembre 2015 - 10:40

[…] 9) torchonnade alle olive taggiasche e pomodori secchi […]

Rispondi
Mamma Papera — 1 Febbraio 2016 - 14:10

[…] vincitrice è Lara con la sua Torchonnade alle olive taggiasche, beh chi mi conosce bene avrebbe intuito che la mia scelta sarebbe caduta qui: il post è […]

Rispondi
labarchettadicartadizucchero 2 Febbraio 2016 - 8:58

Che posso dire oltre a grazie, mille parole non bastano!

Rispondi
Antonio Gaiani 25 Agosto 2016 - 12:16

5 stars
ricetta splendida davvero, chissà che soffice bontà

Rispondi

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero piacere anche...