Home LE MIE RICETTEVARIEbarattoli e conserve yogurt home made, di sane colazioni….

yogurt home made, di sane colazioni….

by Lara

Sembra che io stia traducendo la mia particolare forma di stress in una difficoltà a deglutire estesa, che sembra una cosuccia ma vi assicuro che è disagevole. Ho fatto tutti gli esami del caso compresa la gastroscopia tanto temuta (mi hanno drogata bene e non ricordo nulla grazie al cielo) e non è uscito nulla di funzionale quindi ora si salta alla follia e ai suoi annessi, non che mi mancasse consapevolezza della cosa, di essere sul filo del rasoio della stanchezza già lo sapevo, però di arrivare al punto di tradurre le cose in fisicità quello no, non lo credevo.

Questa cosa ha portato con sé anche un lato positivo però, sempre per il discorso che tutti i mali non vengono SOLO per nuocere, di conseguenza ho perso 4 kg. Gioia e Giubilo Sono rientrata in parecchi vestiti, peccato che però collo e faccia abbiano un aspetto vagamente sciupatello, sich!

Comunque, al di là di difficoltà e pregi della cosa sono dovuta ricorrere a diverse strategie che mi permettano di alimentarmi senza sentirmi indebolita e stanca a metà giornata, considerato che molte delle cose che amo mangiare non le riesco più a cacciare giù. Ecco perché ho ripreso a rifarmi lo yogurt, una sana e buona abitudine che da una bella routine e un bell’impatto nutriente alla mia colazione. E me lo faccio perché mi piace di più e per farlo non si perde né molto tempo Nè si impiega molta fatica.

5 da 1 voto
Yogurt home made

I modi per realizzare un ottimo yogurt fatto in casa con poco dispendio di tempo ed energia sono due, uno con partenza da un buono yogurt confezionato e uno partendo dai fermeti lattici, entrambi validi avranno un risultato eccellente se utilizzerete il latte intero o scremato a lunga conservazione microfiltrato. Questo trucco mi è stato consigliato da Sara e devo dire che fa davvero la differenza. Se utilizzerete il latte intero avrete uno yogurt più grasso ma anche più cremoso.

Keyword: autoproduzione, fatto in casa, yogurt fatto in casa, yogurt in casa
Chef: Lara
Ingredienti
Per lo yogurt con partenza da vasetto
  • 1 lt latte intero microfiltrato
  • 1 vasetto del vostro Yogurt preferito
Per lo yogurt con partenza da vasetti
  • 1 lt latte intero microfiltrato
  • 1 bustina di fermenti lattici vivi reperibili nei negozi bio
Istruzioni
Per lo yogurt con partenza da vasetto
  1. in una grande brocca versate lo yogurt che avete scelto, versatevi piano e poco alla volta il latte avendo cura di mescolare molto bene mano a mano che lo versate. Potete aiutarvi cin una frusta.

  2. Versate la miscela ottenuta nei vasetti della yogurtiera, mettete i vasetti senza coperchio nella yogurtiera (io ho una Savarin da 7 vasetti e 27 euro, comoda ed economica ma efficacissima) copritela e avviatela, dopo 8/10 ore circa lo yogurt sarà pronto. Io lo accendo alla sera prima di andare a letto e lo spengo appena mi alzo.

  3. Togliete il coperchio della yogurtiera facendo attenzione che la condensa non vi cada dentro ai vasettini di yogurt, estraete i vasetti  e chiudeteli con i loro coperchietti, metteteli in frigo. Dopo un paio d’ore saranno pronti al consumo.

  4. Non preoccupatevi se lo yogurt vi sembrerà troppo liquido prima del passaggio in frigo, dopo un paio d’ore al freddo si compatterà e acquisterà morbidezza.

Per lo yogurt con partenza da fermenti
  1. Versate il latte e la bustina di fermenti in una pentola e portate il composto a 41° mescolando con cura 

  2. Versate la miscela ottenuta nei vasetti della yogurtiera, mettete i vasetti senza coperchio nella yogurtiera, copritela e avviatela, dopo 6/8 ore circa lo yogurt sarà pronto. In questo caso ci vorrà meno tempo perché partiamo da una base già calda.

  3. Togliete il coperchio della yogurtiera facendo attenzione che la condensa non vi cada dentro ai vasettini di yogurt, estraete i vasetti e chiudeteli con i loro coperchietti, metteteli in frigo. Dopo un paio d’ore saranno pronti al consumo.

  4. Non preoccupatevi se lo yogurt vi sembrerà troppo liquido prima del passaggio in frigo, dopo un paio d’ore al freddo si compatterà e acquisterà morbidezza.
Per lo yogurt greco compatto
  1. prendete un colino molto capace, rivestitelo di garza fine in doppio strato e versatevi la quantità di yogurt che volete si compatti.

  2. Chiudete la garza e mettete il colino a scolare il liquido in eccesso sopra a una ciotola capace, tutto in frigo per una notte. Il mattino dopo avrete uno yogurt colato e compatto strepitoso!

Se lasciate lo yogurt nella yogurtiera troppo a lungo potrebbe verificarsi un acumulo di liquido giallo in superficie, è il siero che si separa dalla parte solida sottostante. Il siero non influisce sulla bontà dello yogurt ma non è bellissimo da vedere. Per toglierlo avete due opzioni, o lo mescolate insieme allo yogurt ripristinando la fusione dei due elementi, o lo gettate, avrete così uno yogurt più compatto.
    Note

    Poial mattino io lo prendo con i miei cereali preferiti e con della frutta, usate quello che più vi stuzzica!

    Commenti di Facebook

    Ti potrebbero piacere anche...

    3 commenti

    Simo 15 Settembre 2018 - 10:23

    4 stars
    Mi spiace tanto Lara sentire che non sei stata bene, spero ora vada meglio…io ho provato tempo fa a realizzare il kefir, ma non riuscivo a tollerarlo, era troppo acido per il mio stomaco e intestino super delicati. Lo yogurt mi piacerebbe provare a farlo, ma son titubante e fifona pensando ad eventuali fallimenti, prima o poi mi ci metterò.
    Questa è davvero una super colazione coi fiocchi! Un grande abbraccio

    Rispondi
    Lara 21 Settembre 2018 - 9:06

    Grazie Simo, i grandi abbracci fanno sempre molto piacere <3

    Rispondi
    Antonio Gaiani 25 Settembre 2018 - 12:32

    5 stars
    Bello, vrei sempre voluto provare quasi quasi adesso… sembra facile raccontato così

    Rispondi

    Lascia un commento

    * By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.