Go Back

Biove

un pane semplice di origine piemontese adatto ad accompagnare tutte le pietanze
Portata: Lievitati
Cucina: italia
Keyword: biove, biove delle sorelle simili, pagnotta, pane, pane comune
Chef: Lara

Ingredienti

  • 500 g di farina 1
  • 280 ml di acqua
  • 20 g di olio EVO
  • 15 g di lievito di birra
  • 10 g di malto d'orzo
  • 8 g di sale fino

Istruzioni

  • Setacciate la farina e formate una fontana sulla spianatoia, fate una fossetta su un lato e mettetevi il sale.
  • Sbriciolate il lievito di birra nel centro
  • Versate l’acquacon delicatezza per non farla tracimare.
  • Raccogliete un poco di farina dall’interno dell’anello della fontana e cominciate a impast
  • are, aggiungendo via via altra farina, unite il sale, lo strutto e il malto, continuando a incorporare altra farina fino a quando non avrete ottenuto una pastella abbastanza consistente, quindi coprite tutto con la farina della fontana.
  • Aiutandovi con la raschia sollevate parte della pastella e premetela sulla cima della montagnetta;.
  • Proseguite in questo modo lungo tutto il perimetro della fontana, in modo da fare assorbire l’acqua dalla farina.
  • Cominciate a impastare con le mani e valutate se è il caso di aggiungere un altro poco di acqua (io ne ho dovuta aggiungere un pochina, circa due cucchiaiate, in ogni caso l'impasto dovrà risultare morbido e idratato ma non appicccicoso e ogni farina chiama la sua acqua anche in base al grado di umidità dell'ambiente in cui lavorate).
  • Lavorate e battete la pasta con forza sul piano di lavoro per 8-10 minuti, infine formate una palla con l’impasto, copritela a campana con una ciotola e fate riposare per 20 minuti.
  • Trascorso questo tempo dividete l’impasto in due pezzi, stendeteli grossomodo in un rettangolo lungo circa 35 cm e arrotolateli strettamente dal lato lungo ottenendo due
  • salsicciotti .
  • Formate due filoni stretti e stendeteli in rettangoli molto lunghi e sottili (3/4 mm di spessore), larghi 6 o 7cm.
  • A mano a mano che stendete l’impasto, arrotolatelo come se fosse una garza (senza cioè che le punte sporgano) otterrete due grossi rotoli.
  • Infarinate abbondantemente un canovaccio pulitissimo, appoggiate sul piano di lavoro un pacco di farina o di zucchero, copritelo con un lembo del canovaccio infarinato, che stenderete sul piano di lavoro dal lato lungo. Adagiate sul canovaccio un rotolo di
  • impasto appoggiando la chiocciola
  • contro il lato dove c’è il supporto e poi sempre sotto al canovaccio avvicinate l'altro supporto di modo da mettere le chiocciole ben contenute all'interno dei due supporti per aiutare la spinta della lievitazione verso l'alto.
  • Copritele due chiocciole con un altro canovaccio e fate lievitare, al riparo da correnti d’aria, per 30 - 40 minuti.
  • Preriscaldate il forno a 200 °C in modalità statica.
  • Prendete delicatamente i rotoli di impasto e tagliateli a metà per il lungo (la chiocciola dovrà risultare divisa a metà) aiutandovi con un coltello a lama liscia.
  • Sistemate i pani su una teglia con il taglio rivolto verso l’alto e incidetelo ulteriormente con una lametta per 1 cm di profondità.
  • Infornate il pane e fatelo cuocere per 25/30minuti.
  • Estraetelo dal forno e bussate con le nocche sul fondo: se suona vuoto è cotto, altrimenti rimettetelo in forno, abbassate la temperatura di 10 °C e rimettetelo
  • in forno fino a cottura ultimata.
  • Fatelo raffreddare su una gratella prima di servirlo.

Note

Le mie Biove sono venute stortine perché ho sempre un po' di paura a maneggiare gli impasti lievitati e quindi non le ho raddrizzate ma le ho lasciate sul piano così come si sono aperte, voi non abbiate paura e fate meglio di me!